Responsabilità penale e Assoluzione del Consulente per la redazione del DVR (Cass. 57937)

Assolti consulenti esterni per la redazione del DVR e in materia di sicurezza sul lavoro.

La Cassazione Penale, Sez. 4, 21 dicembre 2018, n. 57937 nel caso di un Grave infortunio in un reparto fonderia, ha confermato l’assoluzione dei consulenti esterni in materia di sicurezza. 

Anche se non si può escludere del tutto la responsabilità, come riportato nella sentenza, di qualsiasi comportamento dei consulenti esterni. 

responsabilità
Responsabilità penale e assoluzione consulente esterno in materia di sicurezza

Seppur non vi sia nessun dubbio che il datore di lavoro è il primo ad essere destinatario del generale obbligo di sicurezza di cui all’art. 2087 cod. civ., in quanto garante dell’incolumità fisica dei prestatori di lavoro, e di conseguenza che sia la figura principale cui sono attribuiti in via esclusiva il compito di predisporre il documento di valutazione dei rischi, il piano operativo di sicurezza, nonché la nomina del responsabile del servizio di prevenzione e protezione (RSPP), con la sentenza Cass. Pen., sez. IV, 21.12.2018 n. 57937), il ruolo del consulente e della sua responsabilità, nel caso di redazione del DVR inadeguato, evidenzia come possa essere chiamato a rispondere di eventuali comportamenti colposi che abbiano contribuito all’aggravamento del rischio, fornendo un contributo causale giuridicamente alla realizzazione dell’evento.

Articolo realizzato da Ing. Piero Talluto

www.ingegneriadellasicurezza.it