Radiazioni Ionizzanti Direttiva EURATOM

RADIAZIONI IONIZZANTI

La Direttiva quadro generale 2013/59/EURATOM che modifica in modo rilevante l’assetto normativo della protezione contro il pericolo dall’esposizione radiazioni ionizzanti deve essere recepita dagli stati membri entro il 6 febbraio 2018 con un periodo di transizione di 4 anni dall’entrata in vigore il 6 febbraio 2014. Ad oggi non è stato emesso e pubblicato nessuno schema di recepimento da parte dell’Italia.

Ma che cosa prevede la direttiva EURATOM

Radiazioni ionizzanti

La direttiva ha come oggetto la protezione congiunta alle esposizioni delle seguenti categorie di soggetti:

  • Esposizione dei lavoratori (cap. VI) (occupational exposure)
  • Esposizione pazienti e individui procedura diagnostica o terapia medica (cap. VII) (medical exposure)
  • Esposizione esclusi dalle esposizioni occupazionali e mediche cap. VIII) (publice xposure).

Per quanto riguarda l’Esposizione al Radon in ambienti chiusi, l’articolo 74 richiede agli Stati membri di stabilire livelli di riferimento nazionali per le concentrazioni di radon in ambienti chiusi. I livelli di riferimento per la media annua della concentrazione di attività in aria non devono essere superiori a 300 Bq m. Gli stati dovranno anche promuovere interventi volti a individuare le abitazioni che presentano concentrazioni di radon (come media annua) superiori al livello di riferimento e, se del caso, incoraggiano, con strumenti tecnici o di altro tipo, misure di riduzione della concentrazione di radon in tali abitazioni.

L’articolo 103 (Piano d’azione per il Radon) richiede agli Stati Membri di definire un piano d’azione nazionale che affronta i rischi di lungo termine dovuti alle esposizioni al radon nelle abitazioni, negli edifici pubblici e nei luoghi di lavoro per qualsiasi fonte di radon, sia essa il suolo, i materiali da costruzione o l’acqua in base alle considerazioni sugli aspetti individuati nell’allegato XVIII alla direttiva.

Clicca qui per vederela DIRETTIVA 2013/59/EURATOM 

Articolo realizzato da Ing. Silvia Sala e pubblicato su
www.ingegneriadellasicurezza.it